". Comunicati Gratis

E' nato il sito gemello di Comunicati Gratis

PiuFan E' nato il sito gemello di Comunicati Gratis Comunicatistampa .Iscriviti subito è Gratis!
Si è verificato un errore nel gadget

Comunicati Gratis feed rss

venerdì 28 luglio 2017

Mutui prima casa: in Italia servono in media 134 giorni

Quanto tempo occorre per ottenere l’erogazione di un mutuo prima casa in Italia? Molto, ma non moltissimo; secondo Facile.it e Mutui.it, che hanno seguito l’iter di un campione di quasi 1.800 pratiche concluse fra il 01 gennaio 2016 ed il 30 giugno 2017, dalla prima richiesta di informazioni fino all’effettiva erogazione il sole sorge e tramonta 134 volte, ovvero servono circa 4 mesi e mezzo.
L’analisi ha evidenziato che esistono differenze importanti nei tempi sia in base alla tipologia di mutuo richiesto - si oscilla fra i 115 giorni del finanziamento per liquidità ai 140 di quello legato alla surroga, in assoluto il più lento – sia in base alla regione in cui si presenta la richiesta di mutuo.
«Nel leggere questi dati», ha commentato Ivano Cresto, responsabile mutui di Facile.it, «non si può non tenere conto anche di altri fattori importanti; in primis il tempo necessario all’acquirente per concludere la trattativa d’acquisto dell’immobile e, in secundis quello necessario a raccogliere tutti i documenti indispensabili alla finalizzazione della pratica».
Le più veloci e le più lente
Secondo i dati elaborati da Facile.it e Mutui.it, se si osservano le sole pratiche legate all’acquisto della prima casa, la regione in cui gli aspiranti mutuatari devono aspettare più a lungo è l’Umbria con un tempo medio, fra la prima richiesta di informazioni e l’effettiva erogazione, di ben 153 giorni. Appena sotto la soglia dei 5 mesi la Sardegna ed il Piemonte (entrambe 147 giorni); sopra la media italiana anche Calabria (143 giorni), Puglia (139), Campania (138) e Lombardia (135).
Curiosamente, però, la maglia nera in ambito provinciale è conquistata da Pisa che, con ben 204 giorni di media, è il posto in cui è stato necessario il tempo maggiore per arrivare alla conclusione dell’acquisto immobiliare tramite mutuo.
Osservando la classifica in senso opposto, i mutuatari più fortunati sembrano essere quelli residenti nel Friuli Venezia Giulia, “costretti” ad attendere solo 94 giorni prima di entrare nella loro nuova casa.
Alle loro spalle i richiedenti del Trentino Alto Adige (112 giorni), della Liguria (115) e del Veneto (120 giorni).
Il primato del Friuli Venezia Giulia si conferma anche a livello provinciale con Udine e Gorizia ai primi due posti della classifica delle province più rapide (82 ed 83 giorni in media).

Valori richiesti ed LTV
«Anche in Italia» continua Cresto, «i consumatori cominciano ad informarsi molto tempo prima e, secondo il nostro osservatorio, se si stratta di prima casa quasi il 50% cerca di capire quali siano le sue reali possibilità di finanziamento prima ancora di aver individuato l’immobile. Nel fare questo l’aiuto di un consulente super partes ed il confronto fra le offerte diventano fondamentali».
L’analisi dei due portali ha indagato anche le cifre richieste in media per acquistare la prima casa ed il rapporto fra valore dell’immobile ed importo del mutuo erogato.
In base al primo parametro le richieste di importo maggiore sono state presentate in Trentino Alto Adige con valori appena inferiori ai 151.000 euro; a seguire nel Lazio (145.600 euro) e in Lombardia (134.750 euro), ma sono Sicilia e Campania le regioni in cui pare i mutuatari abbiamo maggiore necessità dell’aiuto della banca dal momento che la cifra che si richiede servirà a finanziare, rispettivamente, il 73% ed il 71% del valore dell’immobile.
I cittadini stranieri in Italia
Gli stranieri che richiedono un mutuo per comprare casa nel nostro Paese sono sempre di più e, per questo motivo, Facile.it e Mutui.it hanno indagato anche se ci siano variazioni nei tempi a seconda della nazionalità del richiedente.
Se per un italiano i tempi medi per concludere un acquisto con mutuo prima casa sono pari a 134 giorni, questo valore si abbassa a 117 se il richiedente ha nazionalità di uno stato europeo non aderente alla moneta unica né facente parte dell’Unione e a 104 se la sua nazionalità è extra europea.
Non bisogna, però, farsi prendere da facili moralismi; il dato va considerato alla luce di forti differenze culturali; un cittadino straniero che sceglie di acquistare casa in Italia tenderà a rivolgersi all’Istituto di credito solo dopo aver effettivamente individuato l’immobile e questo, come abbiamo visto, riduce notevolmente i tempi.
Anche per quello che riguarda le cifre richieste, si evidenziano forti differenze; per un italiano in media 130.000 euro, 107.000 per un europeo “non comunitario” e 102.000 per un extra europeo. 
«Come avvenuto negli anni precedenti alla crisi economica del 2007» ha concluso Cresto, «la ripresa del mercato passa anche dall’acquisto di immobili da parte di cittadini stranieri. I loro acquisti consentono un miglioramento abitativo ai precedenti proprietari e ciò innesca un meccanismo positivo di cui tutti beneficiano. Sarà curioso vedere, fra qualche tempo, se l’effetto della Brexit spingerà i sudditi della Regina Elisabetta ad acquistare casa all’estero, magari in Italia, nazione dove storicamente amano investire».

mercoledì 26 luglio 2017

Wake Up, Mondovicino - Mondovì (CN): 8/9 Ghali, 9/9 Random 16/7 Gigi D’Agostino 23/9 J-Ax, Fedez, Rovazzi, Danti… e talk show pomeridiani con Favij, Francesco Sole, Il Pagante, Francesco Gabbani, Andrea Damante, iPantellas e tanti altri


Wake Up, Mondovicino - Mondovì (CN): 8/9 Ghali, 9/9 Random 16/7 Gigi D'Agostino 23/9 J-Ax, Fedez, Rovazzi, Danti… e talk show pomeridiani con Favij, Francesco Sole, Il Pagante, Francesco Gabbani, Andrea Damante, iPantellas e tanti altri

Nel vivace panorama dei festival italiani, tra la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno 2017 si fa notare Wake Up  Events. Dopo il successo dell'edizione del 2016, Wake up torna proponendo concerti, dj set, party e talk show che mettono sul palco star musicali di prima grandezza e personaggi nata attraverso il web, la tv ed altri mezzi di comunicazione. L'evento prende vita tra l'8, il 9, il 16, il 23 ed ed il 30 settembre alla Mondovicino Arena di Mondovì (Cuneo). In cinque diversi eventi serali e quattro appuntamenti gratuiti pomeridiani che celebrano i dieci anni di Mondovicino, Wake Up propone un viaggio pieno di energia attraverso i diversi generi che fanno muovere a tempo il mondo: pop, dance internazionale, hip hop, elettronica, trap (…) e pure incontri con i nuovi protagonisti del web, star che i ragazzi amano alla follia e gli adulti spesso conoscono troppo poco. 

Il festival mette in console e sul palco i protagonisti delle diverse scene mescolando le carte e proponendo un programma eclettico, che sa anche sorprendere pur puntando dritto sulle vere star del panorama italiano ed internazionale. E' perfetto per un cambio di stagione che metta il sorriso sulle labbra, per iniziare l'autunno muovendosi a tempo con il piede giusto. 

Venerdì 8 settembre 2017 Wake Up inizia con un concerto di Ghali (www.facebook.com/GhaliOfficial/), uno dei personaggi chiave del panorama musicale in questo periodo. Nato a Milano nel '93 da genitori tunisini, Ghali Amdouni, è uno dei protagonisti della scena trap italiana. Attivo fin dal 2011, nel dicembre 2015 il suo successo ha raggiunto l'apice. I suoi video sul web e pure alla radio sono ascoltati milioni di volte. Dopo "Cazzo mene" e "Dende", il suo Album uscito nel maggio 2017 contiene tra gli altri  "Ninna Nanna" (oltre 15 milioni di ascolti su Spotify) un brano capace di mescolare poesia e malinconia. Dalle 21 e 30, apertura cancelli alle 19 e 30.

Sabato 9 invece la Mondovicino Arena di Mondovì (Cuneo) ospita Random! Una festa a caso (www.facebook.com/randomunafestaacaso/). E' un evento che punta tutto sul divertimento e sul sovvertire col sorriso sulle labbra tutte le regole non scritte della discoteca, su tutte quella di vestirsi eleganti. Il successo di Random è ormai assoluto: Riccione, Gallipoli, Catania, Pag, Jesolo (…). Le tre regole fondamentali di Random, una festa a caso sono: 1) Vestirsi a caso! 2) Portarsi qualsiasi cosa (che non possa danneggiare il locale o gli altri): palloni di spugna, gonfiabili, vestiti di carnevale, pistole d'acqua 3) La musica non viene mixata, ma scelta a caso da generi musicali diversi. Dalle 22.

Wake Up continua sabato 16 settembre, con Gigi D'Agostino nel suo L'amour Toujours Dj Set. E' l'unico eterno protagonista della scena delle disco italiane fin dagli anni '90. La sua "L'Amour Toujours" è forse il classico più amato da chi ama la dance, il più suonato dai dj europei e ha una melodia pucciniana che non si dimentica.  "Se dio è un DJ, chi è il Papa dei DJ umani? Che domande... È Gigi D'Ag", ha scritto Noisey. "Era il precursore della figura del dj entertainer come lo concepiamo oggi" , ha scritto Dj Mag Italia. "Adorato da tanti, snobbato dai soliti, conosciuto da tutti, ha scritto Libero Quotidiano. Riassumendo, come Gigi Dag c'è solo solo Gigi Dag. Sul palco con lui anche Molinaro e Luca Noise. Dalle 22, apertura cancelli ore 19.30.

Sabato 23 settembre alla Mondovicino Arena di Mondovì (CN) per Wake Up arrivano J-Ax, Fedez, Rovazzi e Danti per l'unica data italiana che mette insieme quattro talenti unici della scena pop e hip hop italiana. E'  l'unico evento italiano in cui sarà possibile ascoltare tutti insieme i talenti di Newtopia, l'universo musicale di J-Ax e Fedez. "Comunisti col Rolex", l'album che hanno creato insieme è senz'altro uno dei più importanti usciti in Italia quest'anno in ambito pop / hip hop. Mette insieme sedici brani, tante collaborazioni illustri (Alessandra Amoroso, Arisa, Loredana Berté, Alessia Cara, Giusy Ferreri, Nek…) e veri inni come Assenzio" e "Senza Pagare". Ogni concerto di J-Ax, Fedez è un vero evento, in cui il pubblico canta e urla canzoni che sono entrate ormai nel cuore di una generazione e probabilmente non solo di quella. 

E' disponibile un abbonamento dal costo interessante (50 euro + ddp a numero limitato) che comprende anche l'ingresso all'ultimo dei cinque eventi, previsto per la sera del 30 settembre. Si tratta di una sorpresa finale di livello internazionale che sarà annunciata nei prossimi giorni. 

Nel frattempo va segnalato con la dovuta attenzione il ricco programma di eventi pomeridiani gratuiti di Wake Up che celebrano il decimo anniversario di Mondovicino. I protagonisti stelle del web e della musica pop, personaggi amati da tanti e criticati da altrettanti, incontrano il loro pubblico in talk show in cui non potranno fare a meno di mettersi a nudo e raccontare qualcosa di più di sé e della loro vita.

Si parte il 9 settembre, alle 15, in Piazza Ellero nel cuore di Mondovì con un talk show che vede come protagonista lo YouTuber Francesco Sole ed un ospite da definire. All'anagrafe fa Gabriele Dotti ed è uno degli YouTuber più seguiti in Italia,  ormai diventato anche presentatore e autore di libri (Ti voglio bene, Mondadori). 

Sabato 16 settembre invece, sempre alle 15 ma al al Parco Commerciale Mondovicino Massimo Cotto, tra i più esperti e stimati giornalisti musicali italiani incontra Francesco Gabbani, fresco vincitore del Festival di Sanremo e protagonista delle chart musicali con canzoni come "Occidentali's Karma" e "Tra le granate e le granate", da tutti chiamata Estate, un tormentone da più di 27 milioni di visualizzazioni su YouTube. Figlio d'arte (i suoi gestiscono un negozio di strumenti musicali), fa musica pop di qualità che colpisce al primo ascolto. 

Si continua il 23 settembre (ore 15, a Mondovicino) con un talk show de Il Pagante ed Andrea Damante. Le canzoni dei primi raccontano con ironia e intelligenza il mondo delle disco, mentre Damante, dopo essersi fatto notare in tv, è ormai un dj e un personaggio di successo. L'ultimo incontro è previsto per il 30 settembre (ore 15, a Mondovicino). Sul palco si confrontano Favij, giovane YouTuber con quasi 4 milioni di utenti iscritti al suo canale e iPantellas, colleghi quasi altrettanto seguiti (2 milioni e 800mila follower) e gli Autogoal. 


Wake Up
info: 3349224626

Mondovicino Arena c/o Mondovicino Outlet Village
Piazza Jemina, 47 Mondovì (CN)
Autostrada A6 Torino - Savona. Uscita Mondovì



/// from ltc lorenzo tiezzi comunicazione /// lorenzotiezzi.it: his res photos & infos /// please check alladiscoteca.com our clubbing blog /// +393393433962 ufficiostampa@lorenzotiezzi.it /// no spam: basta comunicati? rispondici stop (decreto legislativo n. 196/2003) ///


Pelledoca, lungo weekend con Luke DB, Erik Stefler e tante offerte per i gruppi di ragazze



Pelledoca, lungo weekend con Luke DB, Erik Stefler e tante offerte per i gruppi di ragazze

I weekend non sono mai abbastanza lunghi, per cui l'idea giusta è utilizzare almeno tutte le notti, anche quelle che li precedono e li seguono, ballando, rilassandosi e mangiando al Pelledoca Milano. Tra l'altro qui il fine settimana è davvero lungo, perché inizia il giovedì sera e finisce la domenica, per chi lo desidera tardi, tardissimo. Giovedì 27 e venerdì 27 luglio, insieme allo staff artistico Pelledoca, in console arriva Luke DB: dj producer conosciuto in mezzo mondo per la qualità dei suoi dj set e delle sue produzioni, ha pubblicato su super etichette come Armada ed i suoi mash up ed i suoi megamix sono spesso programmati da un'emittente nazionale come Radio Deejay. Sabato 29 invece è la volta del funambolico Erik Stefler, in forte crescita come dj e producer, visto che ormai suona in mezza Italia, mentre il divertimento continua anche domenica 30 luglio, fin dall'aperitivo e fino a notte fonda… e restano le belle offerte per i gruppi di sole ragazze che prenotano. Giovedì 27 ai gruppi di sole ragazze Pelledoca offre una bottiglia di spumante al tavolo, mentre nel weekend la cena viene interamente regalata dal locale (!), bevande escluse.


Pelledoca Milano
Tel 027560225 Cell 347 2499249
#Pelledoca :Viale Enrico Forlanini 121 - Milano




/// from ltc lorenzo tiezzi comunicazione /// lorenzotiezzi.it: his res photos & infos /// please check alladiscoteca.com our clubbing blog /// +393393433962 ufficiostampa@lorenzotiezzi.it /// no spam: basta comunicati? rispondici stop (decreto legislativo n. 196/2003) ///


Samuele Sartini: “Give me the Funk” cresce ancora… ed il suo dj tour non si ferma


Samuele Sartini: "Give me the Funk" cresce ancora… ed il suo dj tour non si ferma

"Give me the Funk", tra le produzioni più recenti del dj producer italiano Samuele Sartini, realizzata con Andrea Torres, continua a crescere.  Qualche ora fa era al decimo posto della Italian Club Chart ed al 18esimo della Italian House Chart. Tutto questo dopo aver segnato traguardi importanti. Ad esempio,  Todd Terry, uno dei dj più importanti della storia della house, ha inserito questa canzone nella Playlist di 30 tracce che ha pubblicato su Spotify. 

E nel frattempo il dj tour di Samuele Sartini non si ferma di certo, anzi, accelera. Il 12 agosto è confermato un party al Jimmy'z di Montecarlo, uno dei deluxe club di riferimento nel mondo. Ecco poi le date a fine luglio 2017, che lo portano tra Vulcano, la Bulgaria e l'esclusiva Costa Smeralda

26/7 Baia Negra Vulcano - Lipari (Eolie, Sicilia)
28/7 Bedroom Beach Sunny Beach - Bulgaria
29/7 Ostras Beach - Marina di Pietrasanta (LU)
30/7 Ego in Sardegna @ Just Cavalli Porto Cervo

Samuele Sartini, Andrea Torres -  "Give Me The Funk" (Ego) 

Samuele Sartini è un top dj house italiano molto attivo nei club di mezza Europa e non solo. Ha remixato tracce di superstar come Calvin Harris, Roger Sanchez, Paul Van Dyk ed Armin Van Buuren.  Ha diverse hit all'attivo tra cui la recente  "When The Sun Goes Down" (Ego Music). Interpretata da Jay Sebag, è piaciuta a molte delle radio italiane più ascoltate (ad esempio, RTL 102,5 TV - Radio 105 - Radio Deejay - m2o - Radio Ibiza - Studio Più). E soprattutto, Samuele ha un sound che fa muovere a tempo chiunque. Troppi, anche tra gli addetti ai lavori, non sanno che Avicii deve un po' del suo successo proprio a Sartini. Per la versione cantata del suo primo successo "Seek Bromance", Tim Berg - Avicii prese la voce di "Love U Seek", un brano di Samuele Sartini. Samuele è nato a Chiaravalle (AN) e risiede oggi a Monte San Vito (An). In Italia è dj guest un po' dappertutto, da Nord a Sud. E suona con continuità in alcuni dei top club del circuito fashion, anzi probabilmente in molti dei più rappresentativi: al Pineta a Milano Marittima (RA), al Jimmy'z di Montecarlo, al Circus beatclub a Brescia, al Mia Clubbing a Porto Recanati (MC). Il suo è un sound pulito, elegante, senz'altro house e senz'altro melodico. In console ha una tecnica esemplare e a differenza di tanti colleghi mette questa tecnica sempre e comunque a servizio della musica e di chi ha voglia di ballare. Riassumendo e/o dicendolo in un altro modo, Sartini al mixer 'fa i numeri' ma li fa per far ballare, non ama fare il fenomeno. Ecco come racconta la sua vita e i suoi inizi:  "Sono sposato e vivo nelle Marche, dove sono nato. Adoro la mia terra, anche se spesso nel fine settimana devo fare centinaia e centinaia di chilometri per raggiungere i locali in cui lavoro.  Ho due figli, Maria Camilla e Filippo Maria. Sono loro i miei veri unici successi… Ho iniziato mixando vinili e ricordo perfettamente le intere giornate che passavo in mansarda per imparare questa arte. Le prime feste, fino alla grande opportunità nel 2004 quando divenni Dj resident del Miu Miu di Marotta. In quel locale ho avuto la fortuna di affiancare tanti nomi importanti della scena house. Ho davvero cercato di carpire il meglio da ognuno di loro". 

ENGLISH /// Samuele Sartini:  "Give me the Funk" grows and his dj tour doesn't stop /// One of the most talented Italian DJ and producer, Samuele Sartini is internationally recognized nowaday for his quality releases. His brand news single, "Give me the Funk" was playlisted by house pioneer Todd Terry and his dj tour goes on. His solid body of work get started by the singles "Fly" and "Let's Get Back The Feeling" alongside soulful maestros CeCe Rogers and Michael Watford, followed by pop house hits such as "Why" and "Love Shine" performed by Wendy Lewis, until the recent gems "Love U Seek" and "Back Again" featuring Amanda Wilson.




/// from ltc lorenzo tiezzi comunicazione /// lorenzotiezzi.it: his res photos & infos /// please check alladiscoteca.com our clubbing blog /// +393393433962 ufficiostampa@lorenzotiezzi.it /// no spam: basta comunicati? rispondici stop (decreto legislativo n. 196/2003) ///


martedì 25 luglio 2017

11.125 chilometri: ecco quanto hanno guidato gli italiani nel 2016


11.125 chilometri, quanto la distanza che separa Roma dall’Uruguay; questo il chilometraggio medio pro capite che gli automobilisti italiani hanno percorso nel 2016. Il dato emerge dall’indagine di Facile.it (https://www.facile.it/assicurazioni.html), il più grande portale italiano per la comparazione di tariffe RC auto, che ha analizzato un campione di oltre 500.000 preventivi compilati da gennaio a dicembre 2016 e i chilometri che gli utenti hanno dichiarato di percorrere in un anno con la loro auto.
Confrontando i dati con quelli dell’anno precedente, emerge che, in media, il chilometraggio è diminuito dello 0,7%, era 11.200 km nel 2015, ma la riduzione non è stata omogenea in tutta la Penisola. A calare maggiormente sono state le distanze percorse dagli automobilisti di 3 regioni; Campania, Piemonte e Toscana.
Nel caso della Campania ad incidere è stato senza dubbio il costo dell’automobile (e dell’RC auto in primis) che si è tradotto in una riduzione dell’utilizzo auto di quasi 600 chilometri a conducente (-5,10%); per il Piemonte e la Toscana, invece, è possibile identificare come una delle cause principali della diminuzione del chilometraggio l’avvento e la crescente diffusione, a Torino e Firenze, delle auto condivise. Chi usa il car sharing si serve meno del proprio veicolo e questo ha prodotto riduzioni pari a 273 chilometri annui ad automobilista per il Piemonte (-2,40%) e addirittura 315 (-2,80%) per la Toscana.
Guardando i dati in ottica provinciale, gli italiani che hanno guidato di più nel 2016 sono stati i bolognesi (15.000 chilometri – quasi come fare avanti e indietro da Bologna a Washington, ma in auto), seguiti dai senesi (13.884 chilometri ogni anno – Siena – New York e ritorno).
Quelli che hanno guidato di meno, invece, sono stati i residenti nella provincia di Palermo (9.617 chilometri, appena necessari per arrivare dall’isola fino ad Hong Kong), alle loro spalle gli automobilisti di Enna (9.654 chilometri; più o meno la distanza che separa la città da Vancouver). A livello regionale gli automobilisti con più chilometri percorsi sono i lucani (12.469 chilometri), gli umbri (12.295) e i pugliesi (12.264 chilometri); in fondo alla classifica, invece, i siciliani (10.181 chilometri) e i laziali (10.673 chilometri).
L’auto nel tempo libero e in vacanza
Guardando i dati di utilizzo risulta che appena il 7% degli automobilisti italiani ha preso l’auto principalmente per motivi professionali o per coprire il tragitto casa-lavoro, mentre il 46% per spostamenti nel solo tempo libero; il 47% degli intervistati dichiara di avere del proprio veicolo un cosiddetto uso misto, che unisce le due precedenti modalità.
Riducendo l’analisi alla percorrenza legata alle vacanze, siano esse estive, invernali o weekend lunghi, emerge che nel 2016 i guidatori italiani hanno macinato in media 1.001 chilometri, anche se, quando si tratta di partire in auto, le tipologie di viaggio sono abbastanza diverse da regione a regione. Lombardia e Piemonte hanno la maggiore incidenza di viaggi a lungo raggio, ma in questo caso il dato si spiega con la presenza nelle due regioni di molti “fuori sede” che, soprattutto nel periodo estivo, affrontano lunghi tragitti in automobile per tornare nelle regioni d’origine. Nella maggioranza dei casi chi vive in queste regioni “consuma” il suo chilometraggio semplicemente con un’andata e ritorno fatta in estate mentre per le vacanze negli altri periodi sceglie mezzi diversi (aereo – treno).
L’auto in vacanza è una realtà notevolmente meno usata, invece, nelle regioni meridionali (per ovvi motivi soprattutto nelle due isole) visto che molto spesso chi vive in queste aree non si sposta troppo lontano per i periodi di ferie e, curiosamente, anche nel Lazio dove, a quanto emerge, si preferisce usare l’auto per tragitti più brevi sia all’interno della regione (verso il mare), sia nelle regioni limitrofe. Dai dati sembra che, oltre una certa distanza, i laziali preferiscano lasciare la propria auto in garage.


venerdì 21 luglio 2017

Assicurazioni viaggio: un mercato da oltre 395 milioni di euro


Sono oltre 20 milioni gli italiani che in estate partono per le vacanze, un momento tanto atteso ma che, complice la cattiva sorte, può trasformarsi in incubo. Per tutelare i viaggiatori le compagnie assicurative hanno messo a punto diverse soluzioni, creando un mercato che, per la sola copertura medica, secondo l’analisi di Facile.it ha un valore potenziale di oltre 395 milioni di euro*. Guardando alle singole polizze, però, i costi sembrano tutt’altro che proibitivi anche se variano notevolmente in considerazione di diversi parametri.
«I prezzi vengono determinati non solo in base alla tipologia di copertura richiesta, ma anche ai relativi massimali, alla lunghezza del soggiorno e alla destinazione», spiega Giordano Gala, responsabile New Business di Facile.it «Si tratta comunque di cifre contenute, soprattutto in rapporto ai benefici che garantiscono se qualcosa va storto. Per un viaggio in Italia di 5 giorni, l’assicurazione può costare dai 10 euro per la sola copertura medica ai 25 euro se si aggiungono anche l’assicurazione bagaglio e l’annullamento. Se invece si parte per un viaggio di 15 giorni fuori dall’Europa i prezzi salgono; se la nostra meta sono gli Stati Uniti, oscillano fra i 33 e i 76 euro a viaggiatore».
Ma numeri a parte, come si differenziano i prodotti a tutela della vacanza, cosa coprono e quali casistiche invece, non tutelano?
Annullamento vacanza
Tra le polizze di viaggio una delle più diffuse è quella contro l'annullamento della vacanza. In caso di disdetta della prenotazione questa copertura consente di avere un rimborso della penale, che a volte è pari anche al 100% del costo della vacanza. Quello che pochi sanno, però, è che la polizza di annullamento tutela anche nel caso in cui il viaggiatore sia stato licenziato e non possa più permettersi il viaggio.
Oltre a questo la polizza copre imprevisti come malattia, infortunio, incidente, o furto di documenti. Attenzione però, un raffreddore non vale per chiedere il rimborso, che sarà riconosciuto solo se l’imprevisto è di gravità tale da impedire la partenza. Le compagnie non rimborsano, anche, se i viaggiatori decidono di cancellare la vacanza per timore di possibili attentati terroristici. Se nel luogo di destinazione il fatto è realmente accaduto, invece, esistono polizze che tutelano i vacanzieri in caso scelgano di annullare il viaggio.
Smarrimento bagagli
Perdere le valigie in vacanza, magari alla partenza, è senza dubbio uno degli incubi più ricorrenti nei viaggiatori; la polizza smarrimento tutela il bagaglio e il suo contenuto, anche in caso di furto, arrivando persino a rimborsare le eventuali spese sostenute per gli acquisti di prima necessità effettuati a causa dello smarrimento. Attenzione perché non tutto è garantito; denaro, assegni e documenti di viaggio, anche se conservati in valigia, non vengono rimborsati, e a volte nemmeno computer e tablet.
Importante, soprattutto, controllare i massimali previsti per il rimborso, così da evitare brutte sorprese; il consiglio generale è di non mettere in valigia oggetti preziosi perché, in caso di smarrimento, oltre al danno affettivo, potreste rischiare di non vederne coperto l’intero valore.
Malattie e infortuni in viaggio
Ammalarsi in vacanza non è certamente piacevole, ma se accade all’estero e servono cure mediche può diventare un vero problema e un costo notevole. Per tutelarsi i viaggiatori possono ricorrere all’assicurazione malattie e infortuni in viaggio, che include la possibilità di ricevere medicinali, assistenza sanitaria, trasporti in ospedale e il rimborso degli eventuali interventi chirurgici cui ci si deve sottoporre. Occhio però, anche in questo caso possono essere previsti dei massimali e delle esclusioni in base alle condizioni dell'assicurato, come ad esempio l’età e la presenza di malattie croniche accertate; anche le eventuali patologie della gravidanza che dovessero sorgere in viaggio, oltre il sesto mese compiuto, non sono coperte.
Se si sceglie la casa vacanza
Il mercato delle assicurazioni viaggio è dinamico e si adatta alle esigenze dei vacanzieri. Tra le ultime novità c’è, ad esempio, la polizza dedicata a chi sceglie di trascorrere le ferie in una casa vacanza, modalità che riguarda oltre il 30% dei vacanzieri italiani. Gli assicurati sono tutelati non solo in caso di atto illecito o fraudolento esercitato dal proprietario - o presunto tale - che impedisca di prendere possesso dell’immobile, ma anche qualora la casa non corrisponda alla descrizione e alle immagini fornite. 
Fatte le valigie… e gli scongiuri, ora potete partire in tutta tranquillità.





*Il calcolo del valore del mercato è stato elaborato basandosi su numeri ufficiali di diverse fonti (ISTAT, Europe Assistance, Doxa….) e quotazioni delle polizze offerte su Facile.it. A titolo esemplificativo e non esaustivo, fra gli elementi considerati rientrano: percentuale di italiani che fanno le ferie in estate, percentuali di viaggiatori che faranno le vacanze in Italia, durata media dei soggiorni estivi in Italia e all’estero. 

giovedì 20 luglio 2017

Manu the Beat: infiniti dj set tra luglio e agosto… e presto Dancelife “Summer Edition Part 1”

Manu the Beat: infiniti dj set tra luglio e agosto… e presto Dancelife "Summer Edition Part 1"

E' un'estate piena di dj set per Manu The Beat, professionista del mixer sempre in movimento. Tra luglio e agosto gli appuntamenti con la sua musica non si contano e sono tutti interessanti. Sabato 22 luglio ad Aulla (MS) va in scena la Shopping night ed al Bar Caffè del centro, nella Piazza Centrale, fronte al Municipio si potrà ballare con un suo dj set. Venerdì 28 luglio si fa più o meno la stessa cosa, ma al ristorante il Giardinetto di Fivizzano. Dopo essersi rifocillati a cena ci si muove a tempo, questa volta il groove è quello di brani anni '90. "Da venerdì 4 a domenica 6 agosto, invece, torna una delle feste paesane tra le più grandi della Lunigiana, ovvero il Palaron FanFestival, a Pallerone", spiega Manu The Beat. "Io darò il mio contributo musicale e saranno presenti tra gli altri anche i Lux Arcana, un gruppo che sa emozionare con spettacoli a base di luci e fuoco che ha partecipato anche ad Italia's got Talent". Giovedì 10 agosto invece Manu the Beat è Duplé di Aulla per far ballare lo schiuma party "Può nevicare ad agosto?", mentre tra il 14 ed il 16 agosto doppio appuntamento alle Piscine di Equi Terme. La prima sera è in programma un Mojito Party, la seconda un ballo in maschera con ballo dei Pirati… Sarebbe già abbastanza, ma chiudiamo con un doppio party per la festa Ceserano Never Dies, il 18 e il 19 agosto. 

Chiudiamo col Podcast di Manu the Beat, Dancelife. E' in arrivo una scatenata "Summer Edition Part 1", mentre tanti nuovi progetti e nuovi suoni bollono in pentola nel suo studio… ma per ascoltare il tutto bisogna aspettare la fine dell'estate.



/// from ltc lorenzo tiezzi comunicazione /// lorenzotiezzi.it: his res photos & infos /// please check alladiscoteca.com our clubbing blog /// +393393433962 ufficiostampa@lorenzotiezzi.it /// no spam: basta comunicati? rispondici stop (decreto legislativo n. 196/2003) ///