". Comunicati Gratis: Ortopedici, ginecologi e dermatologi: ecco gli specialisti che si scelgono online

E' nato il sito gemello di Comunicati Gratis

PiuFan E' nato il sito gemello di Comunicati Gratis Comunicatistampa .Iscriviti subito è Gratis!
Si è verificato un errore nel gadget

Comunicati Gratis feed rss

mercoledì 9 ottobre 2013

Ortopedici, ginecologi e dermatologi: ecco gli specialisti che si scelgono online

Se è vero che gli italiani usano sempre più internet per ottenere informazioni sulla salute e consultare forum specializzati, la nuova tendenza in atto è quella di scegliere online il proprio specialista. Secondo le analisi di Dottori.it (www.dottori.it) – il nuovo motore di ricerca che aiuta a trovare un medico specialista in città e a prenotare una visita medica – alcune categorie di professionisti vengono scelte sempre più ricorrendo al web. 
«Essere rintracciabile in rete non è più un elemento accessorio della vita professionale di uno specialista – dichiara Vito Ciardo, General Manager di Dottori.it – perché i cittadini hanno imparato ad associare al passaparola, da cui solitamente partiva la scelta del medico a cui rivolgersi, la verifica della reputazione del professionista di cui si è sentito parlare. Non è un caso, infatti, che il 21% degli utenti di Dottori.it punti a conoscere il curriculum e le referenze, oltre che i contatti, del medico che già conosce.»
Ma quali sono gli specialisti più ricercati in rete? Sono gli ortopedici: è a loro che si indirizzano le ricerche del 15% dei potenziali pazienti; a seguire, i ginecologi (con l’10% delle richieste) e i dermatologi (8%). Ma non manca anche chi cerca il medico legale, il neuropsichiatra infantile o l’infettivologo.
Sarà per colpa dei sanpietrini, ma a Roma quasi un utente su quattro (il 24%) cerca un ortopedico, mentre il 17% vuole contattare un ginecologo. A Milano gli ortopedici risultano sempre i professionisti più ricercati ma raccolgono solo il 13% delle indagini degli utenti; a seguire in classifica troviamo poi i ginecologi (11%) e i chirurghi plastici (con il 9%).