". Comunicati Gratis: Dati sui parchi divertimento in Italia

E' nato il sito gemello di Comunicati Gratis

PiuFan E' nato il sito gemello di Comunicati Gratis Comunicatistampa .Iscriviti subito è Gratis!
Si è verificato un errore nel gadget

Comunicati Gratis feed rss

martedì 25 marzo 2014

Dati sui parchi divertimento in Italia


Recentemente sono stati pubblicati dalla SIAE, degli importanti dati sui parchi di divertimento in Italia. Questi dati sono importanti perché possono dare agli imprenditori dei segnali utili per orientare al meglio scelte future sulle proprie attività.

Secondo i dati della SIAE il 2013 avrebbe visto un crollo delle vendite per oltre il 50% delle strutture di divertimento italiane.

Tuttavia vi è ancora qualche nota positiva e riguarda i dati sui turisti stranieri che sembrano avere una tendenza positiva, migliorata rispetto al 2012. Tendenza opposta, invece per i turisti italiani che hanno visto una flessione media del 4%. Aumentano inoltre i turisti che, non potendo più permettersi una vacanza con pernottamento, scelgono la formula “vacanza in un giorno” e cioè una sola giornata al parco.

Un’altra tendenza positiva è quella della vendita di biglietti online. Alla fine del 2013 si è infatti registrato un aumento del 20% di vendite online che è ricaduto anche sulle strutture ricettive locali. Gli strumenti del web e più in generale le attività di web marketing, hanno permesso a molte strutture di amplificare la conoscenza del proprio brand e di attrarre un numero maggiore di visitatori. Il 2014 si dimostra di conseguenza proficuo per coloro che intendono investire ancora in questa direzione.

Questi dati hanno anche evidenziato come per alcune strutture vi sia stata una flessione dei consumi di cibo e bevande all’interno dei parchi. Tuttavia molti imprenditori stanno rivedendo questo tipo di attività proponendo delle vivande a prezzi contenuti ma che non incidano eccessivamente sui guadagni del parco e inserendo chioschetti mobili lungo i viali per attirare di più i passanti.

Secondo gli esperti, questi dati sono anche stati influenzati oltre che da una particolare congiuntura economica che vede le famiglie italiane meno propense a spese di questo genere, anche da una stagione primaverile inclemente che ha scoraggiato molti visitatori. Non resta da sperare che l’anno prossimo sia migliore, sotto tutti i punti di vista!